Gli appuntamenti di Greenpeace GL Bari

domenica 30 giugno 2013

#EndCoal

Ieri 29 giugno in 60 città di 12 Paesi diversi, da Instanbul a Melbourne, da Leipzig a Mindanao, si è tenuta la prima manifestazione globale per porre fine all’era del carbone. In Italia si sono svolte manifestazioni a Brindisi, Civitavecchia, La Spezia, Padova e Palermo. Proprio nella città di Brindisi erano presenti i volontari del gruppo di Bari, ma anche degli altri due gruppi pugliesi di Lecce e San Ferdinando di Puglia.
End the Age of Coal” - questo il nome della giornata di mobilitazione internazionale, nonché lo slogan che ha unito la protesta in tutti i continenti - esprime la volontà chiara di molte persone, in ogni angolo del Pianeta, di consegnare al passato una fonte energetica il cui utilizzo è il primo fattore di alterazione del clima. Da una settimana, a Istanbul, oltre 500 attivisti provenienti da tutto il mondo stanno lavorando per dare vita a una campagna davvero globale contro il carbone. Il “Global Power Shift”, questo il titolo del meeting, è stato promosso da 350.org con la collaborazione di 45 associazioni tra cui Greenpeace. Ieri è stata la prima data in cui in tutto il mondo, si è manifestato contro il carbone, partendo proprio dalla Turchia, dove si è svolta una protesta che ha coinvolto oltre 3.000 persone, tra cui il direttore di Greenpeace International Kumi Naidoo.
L’opposizione al carbone, la fonte energetica più dannosa per il clima e la salute umana, è ormai un dato globale. Dalla Turchia, un Paese minacciato da una forte espansione del carbone e dove il diritto al dissenso appare oggi compromesso, sta partendo un’onda di protesta che non si fermerà. Si sta organizzando un movimento internazionale, cui Greenpeace darà tutto il suo sostegno, per archiviare l’era del carbone e dare inizio a una rivoluzione energetica fatta di fonti rinnovabili ed efficienza.
Quello del carbone è un business sempre più insostenibile: la sua estrazione è causa di distruzione di interi ecosistemi ed è spesso correlata a fenomeni di violazione dei diritti umani; la sua movimentazione minaccia aree fragili del pianeta, come nel caso dell’export australiano che rischia di distruggere la più preziosa barriera corallina del mondo; infine, la sua combustione è responsabile di oltre il 40% delle emissioni di anidride carbonica, a livello globale, primo fattore assoluto di impatto sul clima. Dalle ciminiere delle centrali a carbone fuoriescono anche gas acidi, fuliggine e polveri sottili: ovvero il maggior contributo industriale alla generazione del particolato fine, che penetra in profondità nei polmoni e direttamente nel sangue, che colpisce soprattutto neonati e bambini e causa attacchi cardiaci e cancro al polmone, incrementa gli attacchi d’asma e i problemi respiratori. Da quelle stesse ciminiera fuoriescono anche metalli pesanti tossici come mercurio, piombo, arsenico e cadmio, che aumentano i rischi di insorgenza di malattie oncologiche e danneggiando la crescita dei minori.
Un recente studio realizzato dall’Università di Stoccarda per Greenpeace segnala come in Europa gli impatti sanitari del carbone equivalgono a circa 22.300 morti premature l’anno: ovvero, più di due morti premature ogni ora . Le circa 300 centrali a carbone funzionanti nel continente producono un quarto dell’energia elettrica consumata nell’Unione ma emettono il 70 per cento degli ossidi di zolfo e più del 40 per cento degli ossidi di azoto provenienti dal settore elettrico. Queste centrali sono la fonte di circa la metà di tutte le emissioni industriali di mercurio, di un terzo di quelle di arsenico e producono quasi un quarto del totale delle emissioni europee di CO2. La stessa ricerca dell’Università di Stoccarda evidenzia come l’impatto della produzione italiana di elettricità col carbone è causa di circa 500 casi di morte prematura l’anno in Italia.
I volontari pugliesi di Greenpeace con i No al Carbone Brindisi e WWF
In Italia Greenpeace è impegnata in una campagna contro l’Enel, responsabile di circa tre quarti della produzione nazionale di elettricità col carbone. Greenpeace chiede a Enel di dimezzare la sua produzione a carbone entro il 2020 e di azzerarla al 2030; di rinunciare ai progetti di nuove centrali a carbone e di sostituire la sua produzione a carbone con fonti pulite e rinnovabili.





Gallery fotografica dell'evento

sabato 15 giugno 2013

Api attiviste al mercato

Travestiti da api, questa mattina i volontari di Bari hanno fatto visita al mercato di Santa Scolastica con un appello: www.SalviamoLeApi.org. In ventisei città italiane le api attiviste di Greenpeace hanno portato il loro messaggio a consumatori e commercianti per ricordare che la gran parte del cibo di cui necessitiamo dipende direttamente dall’opera di impollinazione delle api, e che loro e gli altri insetti impollinatori sono a rischio a causa di pesticidi e pratiche agricole di stampo industriale.
Le evidenze scientifiche sulle conseguenze dei pesticidi più dannosi per le api sono chiare. Non possiamo permetterci di perdere le api e il resto degli impollinatori naturali: l'Italia e gli altri Paesi europei devono agire per vietare queste sostanze killer. La drastica riduzione delle api è solo un sintomo di un sistema agricolo che ha fallito, basato sull'uso intensivo di prodotti chimici e ostaggio degli interessi di potenti multinazionali come Bayer e Syngenta. Incrementare subito metodi agricoli sostenibili è l'unica soluzione a lungo termine per salvare le api e l'agricoltura in Europa.
Sul sito www.salviamoleapi.org Greenpeace ha lanciato una petizione indirizzata al ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Nunzia De Girolamo. Le richieste: vietare l’uso dei pesticidi dannosi per api e impollinatori a cominciare dai sette più pericolosi (clothianidin, imidacloprid, thiametoxam, fipronil, clorpirifos, cipermetrina e deltametrina), adottare piani d’azione per gli impollinatori al fine di sviluppare pratiche agricole non dipendenti da prodotti chimici e incrementare la biodiversità in agricoltura.
Il legame tra api, agricoltura e cibo che portiamo sulle nostre tavole è molto stretto. Fino al 35 per cento della produzione mondiale di cibo dipende dal servizio di impollinazione naturale offerto da questi insetti. Delle 100 colture da cui dipende il 90 per cento della produzione globale di cibo, 71 sono legate al lavoro di impollinazione delle api. Solo in Europa, ben 4 mila varietà agricole dipendono dalle api.
Il drammatico calo complessivo delle api è il risultato di molteplici fattori, ma in particolare alcuni pesticidi, fra i quali i neonicotinoidi, rivestono il ruolo di veri e propri killer. Oltre ai fenomeni di intossicazione acuta che portano alla morte immediata delle api, sono molti gli effetti sub-letali legati a questi pesticidi, ad esempio effetti sulla fisiologia, interferenze con la capacità di approvvigionamento del cibo, problemi d’orientamento e l'impatto sui processi di apprendimento. La capacità delle api di resistere a malattie e parassiti sembra essere direttamente influenzata dalla loro esposizione a tali sostanze tossiche, con conseguenze catastrofiche per la loro salute e sopravvivenza.
Le api e gli altri insetti impollinatori sono i migliori alleati degli agricoltori, fondamentali per la produzione di cibo. Per fermare il loro declino, dobbiamo vietare l’uso dei pesticidi più dannosi e investire invece sulla sostenibilità: meno sostanze chimiche, più finanziamenti per ricerca, sviluppo e applicazione di pratiche agricole ecologiche.
Su www.SalviamoLeApi.org è disponibile in esclusiva il trailer italiano del film-documentario “Un mondo in pericolo” (More than honey) del regista svizzero Markus Imhoof che descrive, con riprese spettacolari, la vita delle api minacciate dai pesticidi che la campagna di Greenpeace chiede di bandire (http://youtu.be/MjMpNCIQcaw). Inoltre si possono ascoltare le video testimonianze di apicoltori italiani ed europei, che raccontano i fenomeni di morie delle api (http://youtu.be/H0pHafcRoTo) e ricordano che tutti possiamo fare qualcosa per difenderle. Dal sito è possibile scaricare un kit di azione con un volantino informativo, moduli raccolta firme per la petizione, cartello per identificare “aree salva-api” - da mettere in giardini, orti e balconi dove non vengono utilizzati insetticidi - informazioni sui fiori utili a fornire polline e quindi cibo per api e impollinatori e le istruzioni per costruire un rifugio per le api selvatiche.

Tutte le foto dell'attività nella Picasa GALLERY

Leggi il rapporto: “Api in declino - le minacce agli insetti impollinatori e all’agricoltura europea”: www.salviamoleapi.org


Questa Terra è ancora nostra!

Ieri 13 giugno i volontari di Greenpeace gl Bari erano presenti con un gazebo e banchetto informativo delle proprie campagne attive durante l'evento che Link Bari e Zona Franka hanno organizzato per un’intera giornata di iniziative al fine di sensibilizzare gli studenti ed i cittadini al tema della sostenibilità ambientale, del riciclaggio, del riutilizzo e della musica libera ed emergente.
All’interno di questo lungo evento erano presenti studenti, associazioni, soggetti sociali, esercizi commerciali che partecipino ai workshop dove si discuterà di come riciclare e come riutilizzare oggetti di uso comune in maniera creativa. Verrà spiegato il senso stesso del riciclaggio e del riuso volto alla lotta allo spreco, e di come molti oggetti che abbiamo in casa e siamo abituati a buttare, possono essere riutilizzati.
A partire dalle 15.00 si è tenuto un workshop a cura della Banca del riuso e del riciclo Bari che al termine ha realizzato un albero con materiali di scarto!
A seguire è partito il bookcrossing e il baratto di pensieri, banchetti di autoproduzioni, esposizioni di opere realizzate con materiale riutilizzato ad opera di artisti del panorama barese e da parte dell'associazione Remmade Puglia. Inoltre vi erano banchetti di varie associazioni (Emergency, Amnesty, Libera, Made in Carcere)
A partire dalle 20.00 un'APEricena realizzato da Genuino Clandestino con prodotti biologici e a Km zero. Infine per tutta la sera concerti che hanno dato spazio libero a band emergenti, conosciute o meno, di mostrare la propria grinta, la propria creatività, la propria passione sul palco, di fronte agli studenti universitari e non. Gli artisti del concerto: Cambio di Rotta, Dianubi, Unnomesemplice, A tea with Alice.

Le foto dell'evento nella nostra GALLERY di Picasa

giovedì 6 giugno 2013

SalviamoLeApi.org


Per salvare le api, minacciate dai pesticidi killer, Greenpeace lancia il sito SALVIAMOLEAPI.ORG e in esclusiva il trailer italiano del film-documentario “Un mondo in pericolo” (More than honey) del regista svizzero Markus Imhoof che descrive, con riprese spettacolari, la vita delle api minacciate dai pesticidi che la campagna di Greenpeace chiede di bandire (http://youtu.be/MjMpNCIQcaw). Grazie a una tecnologia di ripresa estremamente evoluta e dopo cinque anni di intenso lavoro, immagini impressionanti e uniche ci mostrano la vita all’interno di un alveare e il dramma della moria delle api. La collaborazione con la casa di distribuzione del film, Officine UBU, permette a tutti di entrare nel microcosmo di insetti tanto piccoli quanto insostituibili.

Sul sito www.salviamoleapi.org, si può aderire alla petizione per chiedere il bando dei pesticidi killer delle api. Indirizzata al ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Nunzia De Girolamo, la petizione chiede di vietare l’uso dei pesticidi dannosi per api e impollinatori a cominciare dai sette più pericolosi (clothianidin, imidacloprid, thiametoxam, fipronil, clorpirifos, cipermetrina e deltametrina), adottare piani d’azione per gli impollinatori al fine di sviluppare pratiche agricole non dipendenti da prodotti chimici e incrementare la biodiversità in agricoltura.
Sul sito di Greenpeace sono disponibili inoltre le video testimonianze di apicoltori italiani ed europei, che raccontano i fenomeni di morie delle api (http://youtu.be/H0pHafcRoTo) e ricordano che tutti possiamo fare qualcosa per difenderle. È possibile scaricare dal sito un kit di azione con un volantino informativo, moduli raccolta firme per la petizione, cartello per identificare “aree salva-api” - da mettere in giardini, orti e balconi dove non vengono utilizzati insetticidi - informazioni sui fiori utili a fornire polline e quindi cibo per api e impollinatori e le istruzioni per costruire un rifugio per le api selvatiche.
“Le api e gli altri insetti impollinatori sono i migliori alleati degli agricoltori, fondamentali per la produzione di cibo. Per fermare il loro declino, dobbiamo vietare l’uso dei pesticidi più dannosi e investire invece sulla sostenibilità: meno sostanze chimiche, più finanziamenti per ricerca, sviluppo e applicazione di pratiche agricole ecologiche.

Fino al 35 per cento della produzione mondiale di cibo dipende dal servizio di impollinazione naturale offerto da questi insetti. Delle 100 colture da cui dipende il 90 per cento della produzione globale di cibo, 71 sono legate al lavoro di impollinazione delle api. Solo in Europa, ben 4 mila varietà agricole dipendono dalle api. A partire dalla fine degli anni '90, molti apicoltori (soprattutto in Europa e Nord America) hanno iniziato a segnalare un preoccupante spopolamento nelle colonie di api. Nel nostro continente il fenomeno ha riguardato principalmente i Paesi dell'Europa centrale e meridionale, raggiungendo punte del 53 per cento di mortalità.