Gli appuntamenti di Greenpeace GL Bari

sabato 5 gennaio 2013

Proiezione de Il giorno che verrà

I volontari di Greenpeace col regista Simone Salvemini e Riccardo Rossi
Ieri sera, 4 gennaio 2013, i volontari di Greenpeace dei gruppi locali di Bari e Lecce sono stati presenti con  un banchetto informativo presso il Cinema Impero di Brindisi per la proiezione in prima visione assoluta del docufilm di Simone Salvemini dal titolo "Il giorno che verrà", che ha riscosso un incredibile successo di pubblico, con la sala completamente piena.
La storia del film si snoda tra le vite di Daniela che è incinta, mentre Pierpaolo lavora alla “Mappa”, Gianni aggiorna il blog e Paola sta per incidere il suo disco. Le quattro storie e uno sguardo su Brindisi a 50 anni dalla nascita della sua Zona Industriale. L’opera è stata realizzata con il sostegno della Apulia Film Commission, Fondazione regionale per il cinema e l’audiovisivo e del Salento Film Fund della Provincia di Lecce. Il soggetto del film, firmato da Simone Salvemini e Barabara Longo, risale al 2006. Nel 2011 la sceneggiatura ha vinto il bando “Euro Connection”, consentendo alla produzione di presentare il progetto nell’ambito del Festival Internazionale di Clermont Ferrand (Francia), la più importante manifestazione europea nel settore del cinema breve.
Tutti i posti a sedere esauriti nel Cinema Impero 
Le riprese sono iniziate nell’agosto del 2010 e si sono protratte fino a maggio del 2011. Il nucleo narrativo del documentario ruota attorno alla figura di una donna incinta che trascorre i mesi della gestazione cercando di approfondire le sue conoscenze sulla reale situazione ambientale del territorio in cui vive, considerato da leggi nazionali ed enti scientifici internazionali “ad alto rischio di crisi ambientale”. I protagonisti principali sono Daniela Niccoli, Paola Petrosillo, Gianni Delle Gemme e Pierpaolo Petrosillo. La colonna sonora è firmata dal compositore Valerio Daniele, autore con Paola Petrosillo, i MARinARIA e Mirko Lodedo delle musiche originali.



Nessun commento: