Gli appuntamenti di Greenpeace GL Bari

martedì 17 febbraio 2009

Greenpeace Bari celebra l'anniversario di Kyoto


Nel pomeriggio del 16 febbraio, il Gruppo di Greenpeace Bari è andato in giro per la città ad attaccare i nastri con scritto "Livello del Mare nel 2040 NO CARBONE" nei punti più importanti, come l'Ateneo, il teatro Petruzzelli, Piazza del Ferrarese, Piazza del Mercantile e il Lungomare, davanti agli occhi stupiti dei passanti.
Il 2009 è un anno cruciale per il futuro del Pianeta. Entro la fine dell'anno si dovrà trovare un accordo per la seconda fase del Protocollo di Kyoto e definire nuovi impegni di riduzione delle emissioni al 2020 e al 2050. Un fallimento lancerà il Pianeta verso una crisi climatica irreversibile ben più grave dell'attuale crisi finanziaria.

La scienza è molto chiara su cosa occorre fare: ridurre le emissioni di gas serra di almeno il 30% al 2020 e di almeno l'80% al 2050. Recenti evidenze mostrano anche che limitare l'aumento della temperatura terrestre a due gradi centigradi potrebbe non bastare a evitare effetti catastrofici come la scomparsa di interi arcipelaghi nel Pacifico.

Diversi paesi nel mondo, come gli Stati Uniti, hanno capito la gravità della situazione e sono pronti a fare della crisi climatica un volano di sviluppo sostenibile per uscire dalla crisi economica. Al contrario, il Governo Berlusconi propone in Italia una politica di ritorno al nucleare e al carbone che si addice più alla Russia anni '50, che non all'Europa dei giorni nostri.

Nessun commento: